Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon L'angolo degli Editoriali

There are no translations available.

Su richiesta di alcuni Soci, ben volentieri, inauguriamo in questo angolo uno spazio dedicato agli editoriali di RR che si riferiscono ai più recenti tre mesi in modo che tutti abbiano la possibilità di leggere con la massima tranquillità e possibilità il punto di vista del CDN e/o di un suo componente.

 

PostHeaderIcon L'Editoriale di Marzo 2021

There are no translations available.

Assemblea Ordinaria 2021:
un'opportunità raccolta
di Vincenzo Favata, IT9IZY


Come ho già scritto, in questo particolare periodo è necessario lavorare insieme in tutti i settori dell’Associazione, per affrontare il futuro e le innovazioni che la realtà impone. Abbiamo la possibilità unica di usare la crisi per comportarci differentemente e per ricostruire un’Associazione più resiliente. Il virus ha portato via il lusso della pianificazione e, pertanto,  non è più possibile aspettare il momento migliore per le innovazioni, se rimaniamo passivi possiamo perdere un’opportunità storica per dare un nuovo impulso alla nostra Associazione.



Read more...

 

PostHeaderIcon L'Editoriale di Febbraio 2021

There are no translations available.

Lesa maestà, ma per favore!
Gabriele Villa, I2VGW


Non voglio fare l’avvocato di alcuno. Abbiamo già il Presidente dell’ARI che svolge in modo pregevole questa professione. Faccio il giornalista e da quarant’anni a questa parte, anche davanti alle accuse più false e idiote, ho sorvolato replicando solo alle diffamazioni. Tuttavia, e questa scelta sorprenderà probabilmente molti di voi, ho deciso di pubblicare l'e-mail che segue del socio IZ1ANK assieme a queste mie poche righe e di nobilitarla inserendola nell’editoriale di RR. Perché? Ma perché questa storia dei diplomi e dei diplomini, scritta con la solita ironia da Paolo Zaffi (che a difendersi, nel caso, è capace anche da solo) mi ha veramente annoiato. Ho letto anche se distrattamente (perché appunto mi annoiavano) commenti perfidi e velenosi di “colleghi” radioamatori che, quasi fosse un delitto di lesa maestà, si sono sentiti in dovere di insultare persino l’ARI per quell’articolo. Dato per scontato che l’ARI e RadioRivista nulla c’entrano con l’isterismo di questi “radioamatori” vorrei solo chiarire che anch’io, che pure amo il DX e ho raggiunto e messo in bella mostra il mio Top Honor Roll, ho le pareti zeppe di targhe e diplomi. Accanto ai quali ho voluto appendere anche, per ragioni affettive, alcuni awards obbiettivamente “minori”. Per esempio il diploma GIRF (mio padre era un capostazione principale) e quello del Terzo Battaglione Trasmissioni Spluga (di cui indegnamente ho fatto parte). Insomma, c’è spazio per tutto e per tutti. Sulle pareti, come nei sentimenti. Come nelle passioni. Il fatto che abbia pubblicato l’articolo di Palo Zaffi (sì caro amico, l’ho letto, tranquillo, prima di pubblicarlo, non c’è bisogno che mi ricordi i miei doveri di Direttore) significa solo che, come insegnano nei giornali dove sono cresciuto, e i Direttori sontuosi, come quelli che ho avuto io, che un giornale funziona anche quando riesce ad innescare il dibattito. Certo che se il dibattito deraglia nell’insulto e diventa solo una sequela di osservazioni becere, allora chi le scrive può andare allegramente a quel paese. Quindi non voglio dare troppo peso a chi è già appesantito dalla sua ottusa permalosità.

Papa Francesco ci ricorda come, da una prova così dura come questa pandemia, si può uscire migliori o peggiori. Temo che molti facciano del loro meglio, sì. Ma per uscirne peggiori.

 * Vicepresidente dell'ARI e Direttore di RadioRivista



Read more...

 

PostHeaderIcon L'Editoriale di Gennaio 2021

There are no translations available.

ARI: sempre al servizio dei Soci
di Vincenzo Favata, IT9IZY


In questo periodo di restrizioni imposte dai protocolli sanitari per il contenimento della pandemia da Covid-19, per superare il disagio provocato dalle limitazioni dei movimenti delle persone sul territorio, da qualche mese  immagino - forse inconsciamente - con una certa frequenza, di trovarmi  davanti ai cancelli di una  grande “Mostra del Radioamatore” una delle più importanti d’Italia; un pensiero che scalda il cuore a chi, come me, ha una grande passione per la radio e il mondo del radiantismo.

Dopo l’esaurimento delle ondate pandemiche, le fiere radioamatoriali e la ripartenza di tutte le attività saranno una realtà che consentirà la realizzazione di desideri - come quello sopra citato - che credo siano ricorrenti nella mente dei radioamatori.

L’attuale stato delle cose e le richieste pervenute dalla base hanno dato modo di verificare che la nostra Associazione ha riscoperto i valori della solidarietà (per altro mai sopiti) e della competenza posta esclusivamente al servizio degli altri.



Read more...

 

PostHeaderIcon L'Editoriale di Dicembre 2020

There are no translations available.

Stacchiamo l'ombra da terra
Gabriele Villa, I2VGW


Scrivo queste righe mentre, ancora una volta, e, forse, sempre di più si sta navigando a vista nel mare dell’incertezza. Sembra oramai che i confini del mondo siano circoscritti dentro un lockdown di parole. Parole d’ordine come mascherina (con le più svariate effe dell’omologazione corretta) contagio, coprifuoco, pandemia, vaccino. Non siamo immuni, nessuno è immune. Perché non ci può esser nessuno in grado di restare immune alla tristezza di questa situazione, nessuno che non patisca queste costrizioni con angoscia, nessuno che, almeno più volte al giorno, non sia coinvolto in qualche conversazione sul tema.

E’ il momento, è il tempo degli auguri certo. E li faccio a voi tutti e alle vostre famiglie con tutto l’affetto e l’amicizia di sempre perché la nostra famiglia, la famiglia dei radioamatori è talmente grande e variegata che c’è posto per l’amicizia, l’affetto e qualche volta anche per i piccoli litigi. altrimenti che famiglia sarebbe.



Read more...

 
More Articles...