Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon L'FT8 e quella facile ironia comodamente seduti nella poltrona di casa

There are no translations available.

Anche io ho letto l'editoriale di gennaio di RadioRivista; e leggendolo ho provato un moto di affetto irrefrenabile nei confronti di Gabriele: il pensiero di lui, sperduto su un'isola a 7000 km da casa, devastato dalla noia eppure deciso a tradire tutti i suoi principi pur di consentire a noi, pigri radioamatori cui piace vincere facile, di collegare un ATNO in FT8, questo pensiero, dicevo, mi ha commosso quasi fino alle lacrime.

Anima bella, quanto deve essergli costato assistere a tale scempio senza fare nulla, vedere il log riempirsi di oltre undicimila QSO fatti con radioamatori che mentre lui era divorato da zanzare e rimorsi erano al bar a sorseggiare un aperitivo.

E poi mi sono anche chiesto ma perché? Perché sottoporsi volontariamente a tale inumana tortura? Perché farlo, se ciò comporta rimorsi talmente lancinanti da dover fare addirittura "outing" a pagina 9 di RR? Perché non delegare tale pratica disdicevole a qualche OM dalla morale flessibile e dalla coscienza impermeabile? Datemi una risposta credibile, please.

73, Michele, IZ2EAS
(ARI sezione di Milano)



Caro Michele,
hai pensato bene di pubblicare un post nel forum di ARI-Fidenza per manifestare il tuo disappunto e la tua "preoccupazione" per la fatica e le "torture" cui mi sono sottoposto volontariamente anche per dare, come probabilmente ho dato a te, un ATNO in FT8.

Quale insospettabile e gradita solidarietà seppure manifestata con un'ironia facile e, scusami, francamente piuttosto dozzinale.

Se permetti delle mie fatiche e dei miei "outing" sono abbastanza grande per occuparmene io. Mi piace solo ricordarti e ricordare a chi ha letto il tuo post e sta leggendo questo scambio epistolare che io comunque mi sono sempre messo in gioco faticosamente, per davvero, inanellando in tutti questi anni decine di DXpedition i luoghi non proprio e non sempre ameni.

Mentre dall'altra parte dello shack c'è sempre stato qualche Michele che comodamente seduto nella poltrona di casa, senza troppi sforzi, nè fusi orari, nè viaggi interminabili, ha potuto mettere a log Paesi che gli sono stati serviti su un piatto d'argento.

Tanto ti dovevo, dato che cercavi la risposta credibile.

Con l'augurio di tanti altri "comodi" DX.

Gabriele, I2VGW