Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Altri Diplomi Italiani

PostHeaderIcon II4CPG, omaggio alla Storia

Il 13 aprile 2019 ricorre il centesimo anniversario del mutamento della denominazione del paese da Magnavacca in Porto Garibaldi.

Il Provvedimento che sancì tale nuovo “nome“ ebbe la forma del decreto luogotenenziale e portò la firma di Tomaso di Savoia Duce di Genova, Luogotenente di Sua Maestà Vittorio Emanuele III.

Nella motivazione si legge “ vista la domanda del Regio Commissario per la temporanea amministrazione del Comune di Comacchio, con cui in esecuzione della deliberazione del 2 agosto 1918, chiede che sia autorizzato il cambiamento della denominazione della frazione Magnavacca di quel comune, in quella di Porto Garibaldi per conservare con tal nome il ricordo storico dell’approdo in quella spiaggia di Giuseppe Garibaldi, avvenuto il 3 agosto 1849, sfuggendo all’inseguimento delle navi austriache...”

Tale episodio storico fu di particolare importanza, dal momento che attraverso tale “salvamento “attuatosi attraverso quella che è storicamente definita “trafila Garibaldina “, al quale contribuirono per quanto riguarda il versante comacchiese in modo determinante Gioacchino Bonnet detto Nino e la popolazione, il Generale poté appunto esser messo in salvo, e successivamente operare per conseguire l’Unità d’Italia.

Nel 2019 ricorrerà anche il duecentesimo anniversario della nascita di Nino Bonnet, illustre personaggio che tanta parte ed importanza ebbe nel “salvataggio “di Giuseppe Garibaldi, tanto da esser ricordato “dall’eroe “come il “suo angelo salvatore “.

Ed è in questa atmosfera permeata di storia e senso di appartenenza al territorio che nasce il gruppo II4CPG, un gruppo di appassionati radioamatori legati alla terra di origine, legati alla storia locale, capitolo saliente di una vicenda che ha condizionato in maniera fondamentale la storia nazionale.

II4CPG ha come obbiettivo la diffusione della cultura Italiana e nello specifico la commemorazione dell'evento storico nell'etere attraverso lo stare insieme in condivisione dell'hobby e dell'amicizia che lega i componenti del gruppo.

Il regolamento dell'attivazione è di una semplicità disarmante alla stregua della semplicità e della dedizione con cui l'eroe dei due mondi riuscì ad unire l'Italia, questo al fine di rendere agevole la possibilità di raggiungerci senza troppi problemi o legami a stringenti regole operative.

Il nostro programma invece si articolerà sia su attività da stazione fissa sia su attività in /P e /MM dai vari eventi che costituiscono l'ossatura fondamentale dell'evento.

Clicca qui per scaricare il regolamento in PDF

 

PostHeaderIcon Diploma "Pionieri Italiani della Radiotecnica"

dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2019

Clicca qui per il regolamento completo

 

PostHeaderIcon Matera nel mondo con IR7MT


In occasione della manifestazione a carattere internazionale “Matera Capitale Europea della Cultura 2019” la sezione ARI di Gravina in Puglia, BA (IQ7IC- sezione 70.06) ha conseguito il nominativo speciale IR7MT per la celebrazione di tale evento. Durante il periodo di svolgimento di questa importante manifestazione, l’intero team dei radioamatori organizzatori effettuerà collegamenti-radio con tale nominativo speciale.

Nel periodo che va dall’1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, la stazione Special Call IR7MT, opererà su tutte le bande radioamatoriali, nei modi SSB, CW, Digitale (RTTY e PSK). La stazione sarà attiva nei fine settimana e durante lo svolgimento di Contest HF.

I collegamenti saranno confermati con QSL via Bureau o via diretta. La stazione che collegherà IR7MT potrà chiedere al manager attestato di avvenuto collegamento, che verrà recapitato via email.

Fonte: www.qrz.com/db/IR7MT

 

PostHeaderIcon WAIR Worked All Italian Regions un diploma ringiovanito

Il diploma WAIR ovvero aver collegato  tutte le regioni d’Italia , nasce da molto lontano da un’idea originale dei radioamatori della sezione Ari di Ivrea (TO) già nel 1970.

Nel 1964 veniva fondata  la sezione di Ivrea ed era frequentata da radioamatori molto attivi affiatati, che non si occupavano solo di autocostruzione di radiotecnica di antenne ecc., ma anche appassionati di collegamenti a lunga distanza,  avendo un bagaglio formativo non indifferente per quegli anni, grazie al loro lavoro svolto in Olivetti (a quei  tempi  era paragonabile alla Apple di oggi e la zona la potevamo chiamare la Silicon Valley  italiana, tanto è che la città di Ivrea è stata riconosciuta patrimonio dell’UNESCO come Città Industriale del XX secolo) molti soci di allora decisero di premiare i radioamatori di tutto il mondo che collegavano il nostro bel paese con un diploma di merito, che non fosse troppo complicato e che desse importanza a tutte le regioni italiane, senza discriminazione alcuna.

In pratica nel loro piccolo un’idea geniale, un Italia  unita e accogliente,  pronta a collegare i radioamatori di ogni luogo, ma allo stesso  tempo far conoscere la variegata cultura e  usanze delle varie regioni che da secoli ci contraddistingue in tutto il mondo.

 

Leggi tutto...

 

PostHeaderIcon Diploma Porti Italiani

Al fine di promuovere la conoscenza e catalogare tutti i porti e porticcioli d’italia operativi e quelle di importanza storica, il Socio della Associazione ARI Brindisi, IZ7DZO propone a carattere permanente a tutti gli OM/YL ed SWL d’italia il D.P.I Diploma Porti Italiani. Referenze valide per tutti i porti e porticcioli italiani, ai fini della conoscenza e della storia.

Leggi tutto...

 
Altri articoli...