Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Progetti divulgativi

PostHeaderIcon Progettare per sperimentare è pur sempre un bell'imparare

di Alfredo Gallerati, IK7JGI


Progetti per Radiotelegrafia. Si deve al nostro Prof. Achille De Santis IU0EUF dell'Istituto Tecnico Industriale Statale "Galilei Sani" Latina, la promozione dell'autocostruzione nei progetti destinati alla radiotelegrafia. Iniziative che arricchiscono l'esperienza di chi, come noi, punta alla rivalutazione della radiotelegrafia e della sua identità di Patrimonio Intangibile dell'Umanità. Non si è mai fermato IU0EUF, da quando ci ha seguiti, oltre che nel progetto ARI "La Radio nelle Scuole" adesso anche in quell'ambìto Progetto che ci lega ad UNESCO ai fini del riconoscimento della <RADIOTELEGRAFIA,PATRIMONIO DELL'UMANITA'>. E' riuscito infatti a coniugare gli obiettivi de "La Radio nelle Scuole" con quelli, più importanti, della Radiotelegrafia. Si tratta di un semplice progetto di realizzazione di un manipolatore CW, per il quale, IU0EUF offre la sua consulenza, frutto della sua esperienza e sperimentazione nella progettazione e realizzazione di progetti finalizzati alla conoscenza ed all'utilizzo della radio nella scuola. A proposito del Progetto "La Radio nelle Scuole" puntiamo i riflettori sulla Sezione ARI Roma che, dal 2016, sta sviluppando un interessantissimo trend collaborativo con le Scuole. Giovanni Carboni IW0GTA, coordina un Team di ottimi colleghi tutti coinvolti ne "La Radio nelle Scuole". Sono riusciti a sviluppare un Progetto "La Radio nelle Scuole" su indiscutibili livelli di eccellenza. Daremo uno sguardo alla struttura della programmazione con cui hanno impostato e gestito l'azione didattica programmata presso l'ITIS "B. Pascal" e l'ISS Istituto d'Istruzione Superiore Statale "Piaget-Diaz" di Roma. Vi consiglio di leggere attentamente la parte relativa ai criteri per la programmazione dell'attività didattica. Si è dato spazio anche ai nuovi orientamenti della Scuola italiana su "Alternanza Scuola Lavoro". Andremo quindi a dare uno sguardo allo stato di salute del famoso World Heritage Sites Award, ci aiuterà il suo ideatore, Pier Luigi Anzini IK2UVR. Passeremo quindi al Progetto ARI "Precursori sismici EM" a cui, come sapete, stiamo dedicando molte risorse. In Febbraio, il nostro amico Marco Eleuteri IK0VSV mi ha informato di una proposta lanciata da ARI Perugia per l'organizzazione di un incontro nazionale per il tema di studi e ricerche sui Precursori EM. Vi terremo informati sugli sviluppi. A tutti, buona lettura!


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 3/18 pagg. 71-76

 

PostHeaderIcon Radio Pillole dal Futuro e Precursori Sismici Elettromagnetici

di Alfredo Gallerati, IK7JGI


Progetti dalle Sezioni. Apro l'anno 2018, con il Progetto"Radio Pillole dal futuro" di cui l'ARI è partner con l'Istituto "G. Ferraris- E. Fermi" di Verona, il Museo della Radio di Verona, Polomarconi e Radio Verona. Nell'anno in cui la Sezione ARI Verona celebra il 70° della sua attività! Una lezione magistrale a tutte le nostre Sezioni che invito a fare dei Progetti un loro punto di forza per agevolare l'approccio dei giovani al mondo radiantistico. V'invito a leggere, con attenzione, gli obiettivi su cui punta il Progetto "Radio Pillole dal Futuro", che mi piacerebbe definire "terapeutico" davvero per certe situazioni locali dove regna il personalismo che accende la conflittualità e segna il destino al radiantismo del futuro! La storia dell'ARI invece può e deve garantire un futuro al radiantismo italiano. I Progetti sono il percorso da seguire.

Uno sguardo anche a quel Progetto molto interessante che affascina tanti tra noi: i "Precursori sismici", in particolare quelli di natura elettromagnetica, "visibili, oltre che udibili, su certi ricevitori. Saremo anche noi dotati, tra poco, del ricevitore "WR3" che ci dà una mano nel monitoraggio dei precursori. L'amico Marco IK0VSV promette di darci una mano a testarlo. Continua a testare la sua stazione di monitoraggio di Narni (Pg) il nostro IK0VSV e lancia sul Gruppo "ARI Precursori Radiosismici" che abbiamo in rete, ultime novità ed ultimi ascolti! Ma, forse grazie anche a RadioRivista, siamo riusciti a coinvolgere tanto attivamente, il nostro amico IK0VSV, da portarlo alla decisione di elaborare il progetto per l'autocostruzione di un Beacon. E ce la farà! Più avanti vi spiegherò che ha però bisogno del nostro aiuto per un problema tecnico. Farò appello anche al nostro Gruppo ARI Precursori perché Marco IK0VSV possa essere aiutato come merita. In questo numero, presentiamo anche il Progetto "Giano" sviluppato dall'amico Professor Roberto Violi IK1XHH che seguiamo, con particolare interesse, per coerenza con la linea guida che l'ARI si è data, attraverso questa rubrica: cioè promuovere le sinergie del mondo amatoriale con quello scientifico e della ricerca. Questa posizione ARI, che con orgoglio difendo, punta a creare una più forte ed autorevole credibilità da parte del mondo radioamatoriale nella sua sinergia con Scienza e ricerca. Tornando al Gruppo ARI Precursori Radiosismici, si sta cercando di promuovere l'incontro a livello nazionale. La Sezione ARI Ostia, che ringraziamo, ha reso disponibile la sua sede per questo incontro. Aspettiamo di valutare altre proposte.

Passiamo quindi alla "Telegrafia Marittima", un'iniziativa di eccellenza per il radiantismo e soprattutto per il traguardo ambito del riconoscimento della Telegrafia, Patrimonio dell'Umanità. Si tratta della trasmissione, in onda da IBC (Italian  Broadcasting Corporation), curata dai nostri amici Lino Pappalardo IZ0DDD e Antonello Urbani IK0PHU. Un'altra esperienza forte che arricchisce il Portfolio del Progetto ARI "CW: Patrimonio dell'Umanità".

Torno ad occuparmi di "Radiocaccia ARDF", un'interessante attività che voglio riproporre. V'informerò anche dell'Italian School Radio Network un'idea che ho condiviso con uno dei protagonisti del Progetto "La Radio nelle Scuole": l'Ing. Achille De Santis IU0EUF. Vogliamo proporre questo spazio in rete per confrontarci su questo Progetto. Buon ANNO 2018!

 


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 1/18 pagg. 39-44