Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Progetti divulgativi

PostHeaderIcon Rilancio di "Social Radio"

di Alfredo Gallerati, IK7JGI


Dal peso che l'ARI darà ai più recenti studi sulle interconnessioni esistenti tra la funzione dei cosiddetti <precursori sismici> e la capacità di dare, a questi, il giusto carattere scientifico, dipenderà il ruolo che i radioamatori potranno guadagnarsi nella moderna società tecnologica del futuro. Lo stato dell'arte su un fronte, quello scientifico della geologia, che vede coinvolti gli appassionati di radiantismo in un ambito scientifico che consolida la credibilità ed il prestigio dei radioamatori sul territorio, dove peraltro svolgono da decenni anche l'encomiabile funzione di "Angeli dell'Emergenza"(mi appassiona definirli così) nel loro prodigarsi al servizio della PROTEZIONE CIVILE. Potremmo anche acquisire un ruolo scientifico ponendo, appunto, le nostre competenze ed esperienze al servizio della comunità scientifica. I soci ARI, appassionati agli aspetti scientifici dei precursori sismici sono interessati ad analizzare e valutare il fenomeno, contribuendo a far luce su alcune criticità che non iscrivono i <segnali elettromagnetici> tra i precursori sismici di cui la scienza può occuparsi. Il 2017 ci vedrà protagonisti, con alcuni addetti ai lavori, di una stagione d'impegno nello studio e nella ricerca sul fronte dell'elettromagnetismo e dei precursori sismici. Passiamo quindi al Progetto "SOCIAL RADIO" una proposta che punta a rivalutare le radiocomunicazioni come strumenti per il sociale. Opportuno, a questo proposito, ricordare una proposta di IK0VYD, il Sociologo Marco Cuppoletti, che ci ha fatto riscoprire la funzione sociale della radio, attraverso un Progetto che, spero, possa essere attivato dalle Sezioni ARI. E' un Progetto rivolto a soggetti che vivono, soprattutto, in città di media e grande estensione, perché su questi territori le radiocomunicazioni posso avere ricadute positive sul tessuto sociale.
Infine daremo uno sguardo alle ultime dalla "Caccia alla Volpe", quando la sperimentazione, aspetto molto affascinante riservato all'ARDF, ben si accosta allo sport. Ci sono alcuni risultati dall'ultimo Campionato Mondiale ARDF in Bulgaria. Anche questo, è un input molto interessante per approcciare e sviluppare la "Caccia alla Volpe" in Italia. Ci congratuliamo con tutte le Sezioni che praticano questa specialità radiantistica...E vi attendiamo al prossimo numero de "I Progetti in cui crediamo".


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 1/17 pagg. 45-49