Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon QRP

PostHeaderIcon Vi presento il nostro IQRP Club ARI

di Giancarlo Saiu, IS0ESG


In tutto il mondo gli appassionati del QRP hanno dato vita a numerose associazioni per portare avanti l'attività Low Power ad alti livelli, coagulando così le risorse umane, incrementando l'esperienza tecnico-operativa e incentivando il proselitismo che scaturisce naturalmente dalla condivisione degli obiettivi. Uno dei più famosi al mondo è l'Inglese G-QRP Club, che è stato fondato dal Reverendo George Dobbs, G3RJV, nel 1974 (cioè oltre quarant'anni fa) unitamente ad un gruppo di OM che si riunivano abitualmente sulla frequenza di 3.560 kHz in CW. Da un ristretto Club di pochi inglesi è diventato oggi uno dei più qualificati club tra quelli che si interessano di QRP e, in particolare, di autocostruzione. Il G-QRP Club ha una sua rivista titolata  SPRAT (Small Power Radio Amateur Transmissions) che viene pubblicata con cadenza quadrimestrale, il suo contenuto è per due terzi tecnico, ricco di schemi di circuiti e spunti  per gli autocostruttori mentre un terzo del periodico è dedicato ad informazioni e notizie. Gli articoli sono semplici e scritti dagli sperimentatori dell'autocostruzione di tutte le parti del mondo. Dall'Italia, ad esempio, arrivano gli articoli del collega Fabio Bonucci IK0IXI (che tra l'altro è il referente del G QRP nel nostro Paese). Anche da noi, in Italia, ad un certo punto si è sentita l'esigenza di costituire un "Club" per riunire  gli appassionati del QRP, infatti, intorno al 1994 ci sono state  addirittura due iniziative "parallele" che hanno preso il via quasi contemporaneamente, è una storia molto interessante e ve la propongo con le parole di uno dei fondatori, Franz Falanga - I3FFE.


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 4/17 pagg. 70-71

 

PostHeaderIcon Istruzioni per l'uso: primi approcci con il QRP/p in VHF

di Alessandro Marcolini, IZ0WRS

Dopo un paio di anni di attività in QRP, con i diplomi Watt x Miglio e FM montano del Club MQC, spinto dalla curiosità, dopo aver letto diversi report sui risultati ottenuti con attività QRPp in VHF, ho deciso che era arrivato il mio momento per provare il brivido delle micropotenze.

L'attrezzatura c'era già tutta, ft817 e la Yagi 4 elementi autocostruita, mancava solo l'attenuatore da utilizzare con l'817, settato a 0.5 W.

Dopo una ricerca su Internet la decisione cadeva su un attenuatore con possibilità di essere impostato a 3-7-10-20 dB, corrispondenti a potenze di uscita (input a 0.5 W, vedi sopra) di 250-125-50-5 mW.


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 3/17 pagg. 39-40

 

PostHeaderIcon IZ1OQU - Ode al Watt per Miglio e al QRPp estremo

di Roberto Sill, IK0BDO


In questa puntata vogliamo raccontarvi un paio di nostre esperienze, effettuate da due nostri Soci, Stefano IZ1OQU, MQC160 e Alessandro IZ0WRS, MQC204, sui 144 MHz in QRPp. QRPp non è un termine molto conosciuto, sebbene se ne parli fin dal 1993, nel primo numero di un Bollettino americano, dedicato a questa "disciplina" http://www.ncqrpp.org/

Su Wikipedia, invece, se ne trova una definizione solo in inglese, segno che "da noi" il QRPp non è conosciuto " QRPers are known to use even less than five watts, sometimes operating with as little as 100 milliwatts or even less. Extremely low power-1 watt and below-is often referred to by hobbyists as QRPp."... pIsta sembra definire, nel modo più vicino possibile, il QRPp un modo di operare alla ricerca estrema della minima potenza utilizzabile per poter effettuare un QSO.

Le prime esperienze in QRPp, che io ricordo, furono ai tempi di "Radioavventura" e furono effettuate con grande risonanza da I0SKK (oggi I5SKK) come pure da I5MSH, entrambi nostri Soci MQC.

Ma ora lascio spazio al collega Stefano IZ1OQU, che descriverà le sue esperienze.

 


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 3/17 pagg. 37-38

 

PostHeaderIcon QRP: in telegrafia è meglio

di Giancarlo Saiu, IS0ESG

Fratelli del QRP, siamo finalmente arrivati a Marzo, il mese appena iniziato dovrebbe essere prettamente primaverile e certamente non mancherà di ispirare le nostre avventure in portatile che però saranno, probabilmente, un po' più difficoltose, in quanto questo 24° ciclo undecennale che si avvia alla conclusione con un costante calo della propagazione ci complica non poco il divertimento. Riuscire a collegare qualcosa di interessante in questo periodo è più difficile del solito, le condizioni non sono favorevoli per noi cultori della bassa potenza, i segnali sono davvero instabili e il QSB la fa da padrone complicando anche i collegamenti che sulla carta dovrebbero essere semplicissimi.

 


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 3/17 pagg. 76-77

 

PostHeaderIcon IQRP Quarterly Marathon

L'IQRP CLUB, associazione che riunisce i radioamatori italiani e stranieri cultori delle trasmissioni a bassa potenza (QRP), con il patrocinio della Sezione ARI di Montebelluna (TV), promuove ed organizza, con l'intento di incentivare le trasmissioni in QRP, la seconda edizione della: IQRP QUARTERLY MARATHON

Scopo: la Maratona è da considerarsi World-Wide per cui è possibile e auspicabile collegare qualsiasi stazione italiana o straniera durante la prima settimana di ogni trimestre del 2017.

Periodo:
da lunedì 3 aprile a domenica 9 aprile (IQRP MARATHON SECOND QUARTERLY)
da lunedì 3 luglio a domenica 9 luglio (IQRP MARATHON THIRD QUARTERLY)
da lunedì 2 ottobre a domenica 8 ottobre (IQRP MARATHON FOURTH QUARTERLY)
dalle ore 08:00 UTC del lunedì fino alle ore 20:00 UTC della domenica.

Leggi tutto...

 
Altri articoli...