Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon QRP

PostHeaderIcon Una piccola Radio per il QRP

di Giancarlo Saiu, IS0ESG


Amici, si è parlato spesso di QRP e di autocostruzione, si sono accese delle discussioni intorno al QRP genuino degli autocostruttori a tutto tondo e di quello, come dire, un po' impuro (passatemi il termine) portato avanti da chi invece acquista apparati commerciali; si è proposta l'equazione QRP = autocostruzione, si è detto di tutto e di più ed alla fine si è capito che anche se il QRP è sempre valido, in quanto definito dalla potenza stabilita, l'autocostruzione è però un valore aggiunto inestimabile, sia che riguardi gli accessori e le antenne sia che si riferisca invece al pezzo principale della nostra stazione: la radio. Allora, proprio per sottolineare l'importanza dell'home brew nella nostra attività, oggi vi voglio proporre l'interessante realizzazione di un ricetrasmettitore QRP monobanda con delle caratteristiche altrettanto interessanti, che garantisce prestazioni di tutto rispetto nella gamma regina dei 14 MHz.


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 10/16 pagg. 73-74

 

PostHeaderIcon L'avventura del QRP continua

di Giancarlo Saiu, IS0ESG


Cari amici del QRP, come tutti gli anni con l'arrivo del bel tempo tanti di noi sentono irrefrenabile l'impulso di uscire e fare attività radio all'aria aperta. Io per primo avverto quest'esigenza che mi spinge ad abbandonare le mura domestiche in favore della campagna e, man mano che la bella stagione avanza, anche e soprattutto del mare, il cui fascino mi travolge e mi ispira "imprese" radiantistiche al limite dell'impossibile. Ma ora voglio ripresentarvi un vecchio amico della bassa potenza, un entusiasta del QRP che porta avanti ormai da anni una fiorente attività "open air" con ottimi risultati ed usando un'attrezzatura minimale che si è sempre rivelata vincente.

 


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 7-8/16 pagg. 90-92

 

PostHeaderIcon Quando anche la spesa è QRP

di Giancarlo Saiu, IS0ESG

Stavolta voglio trattare ancora di una mia passione della quale, peraltro, ho già avuto modo di disquisire più volte in passato: il riciclo, l'arte di utilizzare qualcosa che normalmente  è destinato ad altro scopo, per realizzare accessori utili al radioamatore, soprattutto a chi predilige le operazioni in portatile, tipologia particolare che implica, per ovvi motivi, limiti ben precisi di peso e dimensioni. Il QRP è anche questo, ridurre al minimo tutto il possibile senza però perdere in efficienza e praticità, se poi si riesce anche a conservare la semplicità, in modo da rendere abbordabile l'eventuale progettino anche per i colleghi che non hanno notevole dimestichezza con l'autocostruzione, abbiamo fatto bingo!

 


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 4/16 pagg. 71-73

 

PostHeaderIcon QRP: l'arte del minimale e del riciclo

di Giancarlo Saiu, IS0ESG

Il QRP, questa nostra magica attività gratificante e corroborante, che spesso trasforma il piccolo Davide in un gigante che non teme Golia. Oggi voglio stimolare la vostra inesauribile fantasia e spingervi a frugare nel famoso "cassetto delle meraviglie" di ben nota memoria, per reperire gli aggeggi più strani che si potranno trasformare in utili accessori per la nostra fantastica attività radioamatoriale, con preciso riferimento a quella in portatile/mobile, laddove il QRP è l'arma vincente per tramutare anche la più uggiosa delle giornate in qualcosa di indimenticabile facendo salire spesso la nostra autostima a livelli di guardia.

 


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 3/16 pagg. 84-86

 

PostHeaderIcon Il QRP del cittadino

di Giancarlo Saiu, IS0ESG

Chi di noi QRPers non ha mai sognato di abitare in aperta campagna, in una villa isolata circondata da molti ettari di giardino pronti ad ospitare una selva di antenne full size per tutte le frequenze, soprattutto per le bande basse, dove anche un semplice dipolo ha bisogno di decine di metri di spazio, sia in larghezza sia in altezza, per poter essere installato a regola d'arte e fornire così le giuste prestazioni, chi non lo ha mai sognato, dicevo, alzi la mano! Per non parlare poi del nostro "sogno" più ricorrente: la possibilità di erigere tralicci "american style", arrays di direttive per le HF (!) e quant'altro ci punga vaghezza di costruire, per sbaragliare la concorrenza QRO senza eccedere i nostri limiti di potenza

 


Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 2/16 pagg. 78-80

 
Altri articoli...