Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon San Basilio, nasce una nuova antenna per le missioni interplanetarie e lunari

La grande svolta "spaziale" in Sardegna presentata oggi, soddisfazione di Regione e Università: ecco in cosa consiste

L’esplorazione interplanetaria da oggi passa attraverso la Sardegna. Al  Radiotelescopio di San Basilio è stato inaugurato il Sardinia Deep Space Antenna (SDSA) dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) che offrirà supporto alle missioni nello spazio, dialogando con i satelliti, in un sistema che coinvolge soltanto 5 infrastrutture del genere al mondo: quella di San Basilio è una delle più all’avanguardia.

GIORNATA STORICA PER LA SARDEGNA – “È una giornata molto importante per la Sardegna”, dice il vicepresidente della Regione Raffaele Paci. “Crediamo molto nel settore dell’aerospazio, l’abbiamo sostenuto dal primo momento, abbiamo investito tanto e continuiamo a farlo, e la presenza qui di Asi, Nasa, Esa, Inaf, JPL (Jet Propulsion Laboratory), delle altre Agenzie spaziali, che credono in questa strutturar e nelle sue potenzialità, dimostra che la strada è quella giusta. La Sardegna oggi entra in un network mondiale che, sono sicuro, porterà importanti ricadute economiche, occupazionali e di sviluppo in tutto il territorio”. Un “club esclusivo”, come l’ha definito il presidente dell’ASI Roberto Battiston, che ha spiegato come da oggi in poi il ruolo del Radiotelescopio non sarà più solo quello di osservare e ascoltare l’universo ma anche di interagire con i satelliti lanciati nello spazio per riportare dati anche in funzione di nuove missioni interplanetarie e lunari.

 

COME FUNZIONA L’SDSA – Il Sardinia Deep Space Antenna condivide con SRT una parte delle dotazioni ma ha un suo equipaggiamento e un centro di controllo specifico per comunicare con i veicoli spaziali. È diventato oggi ufficialmente operativo nell’ambito del Deep Space Network della Nasa, ma fornirà servizi di comunicazione e navigazione anche per le sonde interplanetarie europee. È nato grazie ad accordi tra Asi e Inaf e a uno specifico accordo Asi-Nasa che ne assicura l’utilizzo in una molteplicità di missioni interplanetarie in collaborazione con JPL. Il suo debutto è stato legato alla fase finale della missione della sonda Cassini nel sistema di Saturno, il cui tuffo finale è stato seguito in diretta mondiale proprio attraverso il Radiotelescopio di San Basilio.

 

LA POLITICA DELLA REGIONE PER IL SETTORE AEROSPAZIO – Per il Radiotelescopio di San Basilio, realizzato dall’Inaf in collaborazione con ASI, Regione, Miur e Università, la Regione ha investito oltre 20 milioni di euro. Ma non solo: per sostenere e far crescere le imprese che operano nell’aerospazio, sono stati investiti oltre 12 milioni di euro. “Bandi che hanno avuto un successo enorme, con domande di finanziamento che hanno superato di molto la dotazione disponibile tanto che abbiamo aggiunto altri soldi per garantire il finanziamento di tutti i progetti idonei. Questo dimostra che è un settore che sta crescendo molto e che, come si vede dai progetti presentati ai bandi, sta riuscendo a passare dalla fase di ricerca pura a quella di ricaduta sul territorio, e questo è un passaggio fondamentale perché è quello che può portare sviluppo e posti di lavoro”, spiega Paci. “Continueremo a lavorare per sostenere l’aerospazio, insieme  all’Universita e all’Inaf, perché la sinergia è fondamentale e ci ha permesso di arrivare all’importante risultato di oggi”.

NELL’ALTA TECNOLOGIA IL FUTURO DELLA SARDEGNA – Il vicepresidente della Regione ricorda poi quanto l’alta tecnologia sia fondamentale, soprattutto in una regione come la Sardegna, per costruire un futuro solido. “Con l’alta tecnologia possiamo superare il gap geografico, che spesso è un limite, trasformandolo in una risorsa. Le caratteristiche della nostra isola e le competenze digitali che possiamo garantire sono ideali per ospitare importanti progetti internazionali: pensiamo ad Aria nella miniera di Seruci o a SarGrav a Lula, pezzi di storia del nostro passato che rivivono grazie all’alta tecnologia. Questa è la strada, e oggi qui a San Basilio riceviamo un riconoscimento mondiale che ci rende molto orgogliosi”,  conclude Paci.

“L’Università di Cagliari è la linfa vitale che sostiene una realtà come questa, di questo sono molto orgogliosa”. Lo ha detto il Rettore, Maria Del Zompo, intervenendo questa mattina a San Basilio all’ufficializzazione dell’ingresso del Sardinia Radio Telescope nel Deep Space Network con il nome di Sardinia Deep Space Antenna, alla presenza dei rappresentanti dell’Agenzia Spaziale Italiana, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e dell’Agenzia europea per l’Aerospazio: “Qui lavorano numeri nostri ricercatori di fisica e di astrofisica – ha continuato la prof.ssa – Oggi ci sono anche i nostri studenti: il fatto che ci siano colleghi di questi settori che fanno ricerca di eccellenza a Cagliari permette ai nostri ragazzi, ai nostri dottori di ricerca, ai nostri ricercatori di completare il gruppo che lavora qui”. All’iniziativa hanno preso parte 50 studenti dei corsi di laurea di Fisica, Ingegneria elettrica ed elettronica, Ingegneria meccanica dell’Ateneo cagliaritano, con Micaela Morelli, Prorettore alla Ricerca scientifica, Massimo Vanzi, delegato dell’Ateneo per l’aerospazio, e Maria Giovanna Mura, ricercatrice di Elettronica.

“Ricerca, cultura e conoscenza sono la base dello sviluppo – ha proseguito il Magnifico – Si può scommettere da questo luogo anche sulla divulgazione scientifica e sulla ricaduta che i nostri studi possono avere sul territorio, per essere più vicini ai comuni che vivono qui intorno. Non solo per fare turismo scientifico, ma per realizzare un museo della scienza interattivo a cui l’Ateneo e l’ASI possono dare il proprio contributo”.

Ultima modifica: 9 maggio 2018

 

Fonte: www.castedduonline.it