Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Un Reverse da scoprire

La CW Reverse Beacon Network o RBN, è una rete di ricevitori SDR (Software Defined Radio) online  a largo spettro situati in tutto il mondo in grado di ricevere il CQ in telegrafia e decodificare il nominativo della stazione radioamatoriale che lo trasmette.

Per provare questo sistema, ci si deve collegare al sito http://www.reversebeacon.net/

  • per vedere ad esempio le stazioni che stanno facendo cq cq in cw basta andare sulla sezione dx spots con il mouse (senza cliccare)  
  • Poi con il mouse andare sulla scelta HF e poi scegliere la banda che interessa (ad esempio 14 MHz).
  • Nella schermata l’elenco di stazioni a sinistra (colonna de) sono stazioni sempre accese in ascolto che ricevono i radioamatori che stanno facendo una chiamata in CW (colonna dx).

Se si passa il mouse sopra le stazioni dx si legge la nazione la cq zone e la ITU zone.

Le altre colonne indicano:

  • La colonna freq: la frequenza in cui la stazione dx sta chiamando
  • La colonna cq/dx: indica che si tratta di stazione che sta facendo chiamata. Altre volte compare la scrittura beacon per dire che è un beacon
  • La colonna snr: indica la forza del segnale della stazione DX
  • La colonna Speed: indica la velocità di trasmissione in CW (parole al minuto) della stazione dx
  • La colonna time: indica data e ora

In alto a destra c’è la casella rows to show (cioè righe da mostrare). E’ preferibile impostare il valore più alto pari a 100.

A COSA PUO’ SERVIRE  REVERSE BEACON?

  • Primo caso: si vuole vedere chi sta facendo chiamata in tempo reale. Ad esempio se è una stazione rara si può  provare a sintonizzarsi sulla sua frequenza per verificare se la si ascolta e magari provare a chiamarla (in CW!). Vedendo quali sono le stazione de (ad esempio se europee) si puo’ già capire se il collegamento è possibile.
  • Secondo caso: possiamo verificare la capacità della nostra antenna a collegare stazioni lontane. Se infatti facciamo noi una chiamata in cw del tipo CQ CQ DE nostro call possiamo verificare quali sono le zone che ci ascoltano (stazione de) e con che forza di segnali siamo ricevuti... in pratica verifichiamo se vi è propagazione. Ottimo anche per confrontare diverse antenne, oppure per verificare la differenza della forza del segnale usando potenze diverse (ad es. potenza qrp 100 watt o con lineare).

Esiste poi una sezione search spot by callsign dove impostando il nostro call possima o vedere anche nei giorni seguenti (2 o 3 giorni) l'elenco delle stazione de che ci hanno "sentito" mentre facevamo CQ DX

E' utile per avere un elenco unitario delle stazioni che ci hanno ascoltato (magari si fa una copia e incolla su un documento word per tenere traccia della forza del segnale e orari).

Se anche non conosciamo bene il CW è possibile registrare sulle radio più recenti un messaggio di chiamata cw preimpostato (magari pero’ qualcuno potrebbe rispondervi, quindi non abusatene) … il messaggio da registrare è ad esempio: cq cq cq de il proprio call

'73 a tutti de

Vincenzo, IW0BNW

Fonte: ARI Monterosi