Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

Error
  • JFTP::connect: Could not connect to host "82.145.161.7" on port 21
  • JFTP::connect: Could not connect to host "82.145.161.7" on port 21
  • JFTP::connect: Could not connect to host "82.145.161.7" on port 21

PostHeaderIcon Filtro interdigitale per 1296 MHz

di Pierluigi Poggi, IW4BLG


Introduzione

Chi opera sulla banda dei 23 cm deve spesso difendersi da interferenze di altri servizi su frequenze adiacenti. I "diversamente giovani" come me, sicuramente ricorderanno il problema dei radar aeronautici che negli Anni '80 e '90, in alcune aree, imperversavano rendendo difficile la ricezione.
Ancor oggi però la situazione non è completamente risolta e problemi possono nascere (come nel mio caso ad esempio) per la banale vicinanza con una BTS di telefonia.
Come è possibile però che frequenze (900 e 1800 MHz) così apparentemente distanti provochino difficoltà operative a chi lavora a 1296 MHz?
La risposta sta nel tipo di front-end o primo stadio del ricevitore e nella larghezza di banda delle antenne.
Vediamo anzitutto il capitolo antenne: Yagi o paraboloidi che siano, sono sensibili anche a frequenze differenti da quelle di progetto. Misure su alcune in mia disponibilità hanno mostrato come di fatto siano paragonabili, in quanto ad efficienza, a un dipolo per le frequenze di telefonia. Se ci troviamo a 300 m da una normale BTS, significa portare all'ingresso del ricevitore potenze anche superiori ad 1 mW di segnali telefonici! Questo non agevola di certo il funzionamento lineare del primo stadio del ricevitore...

 

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 3/17 pag. 14