Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Considerazioni sui Comitati Regionali

Recentemente ho fatto una piccola indagine web sui vari Comitati Regionali, anche se non di tutti ho potuto avere i dati perché non tutti i CR sono dotati di sito Web.

Il primo  dato che salta agli occhi, scaricati i vari Regolamenti Regionali da Internet, sono le regole molto diverse da Regione a Regione... alcuni CR costituiscono Sezioni con 15 Soci, altri con 20 e le chiudono con 10 oppure con 9 ma non sulle isole, altri non hanno limite minimo, alcuni vogliono copia dei bilanci e dei verbali delle Sezioni altri solo una relazione sull'attività, altri non vogliono niente, chi autorizza più Sezioni nello stesso Comune, chi solo una. I nuovi Soci possono iscriversi in una qualsiasi Sezione della Regione, oppure solo in quella di "competenza territoriale", alcuni in certe situazioni sanzionano le Sezioni, altri no, etc.

Lo stesso vale per le quote versate dalle Sezioni, infatti abbiamo CR che si autofinanziano, altri che stabiliscono la quota anno per anno, uniformandosi allo Statuto Nazionale, (mi immagino con cifre diverse tra Regioni con più radioamatori e altre meno popolate), altri CR invece hanno preferito mettere una percentuale fissa addirittura nello Statuto Regionale alcune del 20% e altre del 25% delle quote di ristorno incassando a volte più di quanto occorra al "proprio funzionamento", come recita lo Statuto Nazionale.

Possono i CR intervenire così diversamente sulle regole Sociali e sulle quote di ristorno delle Sezioni?

Ora i casi sono due, o i CR sono a tutti gli effetti Organi Statutari e le Sezioni sono obbligate ad aderirvi, e allora i costi e le regole devono essere uguali per tutti i Soci, altrimenti in caso contrario viene leso il principio di eguaglianza  dei  Soci e delle Sezioni nei confronti dell'Associazione. I costi devono essere ripartiti in maniera uguale su tutto il corpo sociale e poi conguagliati tra Regioni con più o meno radioamatori. Sarebbe gradita una interpretazione del  CDN per quantificare la quota Regionale, così come è stato fatto per i soci Familiari, tenuto conto anche del fatto, che prima dell'avvento dei CR la gestione delle Sezioni era già compresa nella quota ARI.

Oppure nella seconda ipotesi si stabilisce che i CR sono organi territoriali e autonomi, allora in questo caso, per il principio di libertà di associazione previsto dalla Costituzione della Repubblica  Italiana  le Sezioni devono essere libere di aderirvi o meno  considerato che i CR non danno nessun servizio associativo QSL, assicurazione, etc.

Un altro aspetto negativo dell'avvento dei CR è che questi a mio avviso, oltre ad aumentare i costi, e come abbiamo visto anche la conflittualità interna, hanno frenato lo sviluppo dell'Associazione. Infatti oggi, per costituire una nuova Sezione occorrono 20 Soci, e successivamente la ratifica del CR nella prima riunione raggiungibile, magari dopo molti mesi, in qualche Regione addirittura con "votazione a scrutinio segreto". Ne deriva che le nuove Sezioni nate negli ultimi anni siano state spesso prima osteggiate e poi costituite per divisione di Sezioni più grandi, a volte non senza polemiche, e senza l'apporto di nuovi Soci.

Questo penso non sia più attuale, oggi infatti con le vigenti normative sulle Associazioni, se io con pochi amici mi riunisco, redigo uno statuto, lo faccio registrare e chiedo il codice fiscale, ho di fatto costituito, in un solo giorno, una Associazione legalmente riconosciuta. E anche nel campo radioamatoriale vediamo nascere nuove Organizzazioni con nuove Sezioni anche con pochissimi Soci, mentre noi siamo ancora a discutere di chiudere o accorpare le Sezioni più piccole, di competenze territoriali, etc.

Non parliamo poi delle norme che prevedono la presentazione dell'aspirante Socio da parte di due Soci presentatori, o dei  Soci Radio Club che pagano la quota sociale senza diritto di voto, che rende i nostri regolamenti assolutamente non conformi alle attuali regole legislative.

Ricordo che prima dell'avvento dei Comitati Regionali esistevano i Gruppi, (fino a 15 persone con un referente), le Sezioni di prima classe, (fino a 20 Soci con un Presidente e un Segretario Cassiere) e le Sezioni di seconda e terza classe fino a 50 o oltre 50 Soci con un Consiglio Direttivo di 5 o 7 persone.

Con l'avvento dei Comitati Regionali ci siamo appiattiti solo sulle Sezioni più grandi, se vogliamo nuovi Soci occorre semplificare le iscrizioni, ripristinare i piccoli gruppi, che sono sempre stati volano di aggregazione per la costituzione di nuove Sezioni, e semplificare e aggiornare le regole per la loro costituzione.

Mi sono iscritto all'ARI nel 1974, anno in cui si cominciavano a costituire i CR e sinceramente ritengo che dopo 42 anni tale esperienza debba considerarsi conclusa e che l'ARI debba riprendersi  il controllo e la gestione delle Sezioni. Con i programmi informatici attuali l'Ufficio Soci potrebbe tranquillamente gestire la situazione, e i problemi delle quote di ristorno potrebbero risolversi  stabilendo di pagare le quote in Sezione, come molti fanno da anni, e trasformando in bonus per l'anno successivo eventuali piccole cifre di ristorno. Con il tabulato Soci, (che quando la posta era di carta veniva inviato 2 volte all'anno) le Sezioni si potrebbero addirittura autogestire.

Un cambiamento del genere ovviamente non potrebbe avvenire nei tempi di un mandato triennale già ad un terzo di vita, e inoltre incontrerebbe molti ostacoli, ma a mio avviso, sarebbe fattibile semplicemente se i Soci, che troppo spesso si sono disinteressati dell'Associazione, e che non hanno mai saputo controllare i loro rappresentanti, si risvegliassero dal loro torpore, dovuto forse a rassegnazione, e con uno scatto di orgoglio lo volessero.

La soluzione potrebbe essere ricercata nel nostro Statuto e precisamente agli articoli 63 e 64.

Che cosa succederebbe infatti se alla prossima riunione di un CR le Sezioni riunite (ovvero i Soci..) decidessero non dico di chiudere il CR ma semplicemente di restituire all'ARI la delega sulla gestione e rappresentanza delle Sezioni?  Niente, in base all'Art.63, non avendo eletto i propri Delegati, alla Assemblea Nazionale, i voti di quella Regione, sarebbero assegnati alla Regione con il capoluogo più vicino. Ma che cosa succederebbe se la maggioranza dei CR decidessero di chiudere o di restituire la delega sulle Sezioni all'ARI. E' evidente che la minoranza rimasta non potrebbe rappresentare più l'Associazione e, non essendovi più la "funzionalità" prevista dall'Art. 64, si dovrebbe pertanto, come previsto da detto articolo convocare l'Assemblea Generale dei  Delegati di Sezione.

Ed è questa a mio avviso la soluzione, una volta pubblicati i bilanci e la Convocazione di Assemblea sull'Organo Ufficiale, si affitta un teatro o una sala congressi in qualche zona d'Italia, magari in concomitanza con un importante evento fieristico che faccia da volano, le Sezioni che si presentano votano e decidono sul futuro dell'Associazione, chi sta a casa accetta quello che hanno deciso i presenti come avviene in tutte le altre organizzazioni e realtà associative d'Italia. Nessuna Associazione ha oggi tre livelli di Assemblea per giungere ad una decisione. Facendo due conti  il quorum previsto dallo Statuto sarebbe facilmente raggiunto con le deleghe anche rispettando i vincoli imposti dal Codice Civile. Con qualche mail o qualche telefonata per accordarsi, i Presidenti delle Sezioni più lontane, o che non possono partecipare, potranno delegare quelle Sezioni che, anno per anno, più facilmente possono raggiungere il luogo di Assemblea, e le stesse deleghe potrebbero essere gestite e registrate dalla Segreteria Generale già qualche tempo prima  per abbreviare i tempi. In Assemblea si potrebbero  poi apportare quei piccoli cambiamenti necessari ai nostri Regolamenti tali da rendere il tutto attuale e funzionante.

Il risultato sarebbe che al posto dei 20 cervelli che abbiamo messo a gestire l'Associazione, ne rimarrebbe uno solo, il CDN, più forte e più libero di dedicare i suoi sforzi al risanamento e miglioramento dell'Associazione. Si avrebbe così un'Associazione meno costosa, meno litigiosa, più semplice e più gestibile e si sarebbe anche attuata quella democrazia diretta auspicata anche dalla Prefettura di  Milano, che vede non i Comitati Regionali, ma le Sezioni depositarie della rappresentanza associativa. Le Sezioni, o anche i singoli Soci che poi lo desiderano, sarebbero libere di associarsi o meno in Comitati Regionali, questa volta davvero Organi Territoriali che, non avendo più impegni Nazionali, potrebbero interessarsi di Protezione Civile, rapporti con Enti Locali, attività radio, eccetera, con minori costi e minor dispendio di energie.

Un nuovo ruolo dei C.R. è sempre stato nei proponimenti elettorali dei Consiglieri e Sindaci che si sono candidati nel tempo a guidare l'Associazione, ma nessuno ci ha mai detto come attuarlo. Spero quindi  che queste mie considerazioni siano utili a stimolare una discussione all'interno dell'Associazione per avviare quel processo di rinnovamento necessario che tutti vogliono da anni ma che nessuno intraprende. Ma in ogni caso, come ho già detto occorre un elemento fondamentale, la volontà dei Soci.

Cordiali 73,

Vincenzo, i5lvv