Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Campi scuola 2015: "Anch'io sono la Protezione Civile"

Torna anche per quest'anno, il Progetto del Dipartimento Protezione Civile che, grandi consensi, ha ottenuto negli anni passati. Finalizzato alla divulgazione sull'intero territorio nazionale, dell'Educazione allo sviluppo di una consapevolezza della Protezione Civile, quindi all'interiorizzazione che il Volontariato è sempre parte attiva del Sistema di Protezione Civile, arriva anche, da Giugno 2015, la proposta per l'Educazione e Formazione alla Protezione Civile. Quando siamo ormai alle porte dell'estate, eccoci alle ultime news dal Dipartimento della Protezione Civile.

Anche quest'anno il Dipartimento Protezione Civile prosegue nella sua capillare disseminazione dell'Educazione alla Protezione Civile sull'intero territorio nazionale, sviluppando il Progetto "ANCH'IO SONO LA PROTEZIONE CIVILE" che ha, come suo fulcro, l'attività dei "Campi Scuola": fase culminante di un Progetto d'eccellenza della Protezione Civile. Con un'organizzazione di questo tipo, il DPC lancia un segnale forte ed incisivo verso i giovani ma anche verso le Associazioni come l'ARI che, tra le altre, ha come mission quella di sviluppare la cultura della consapevolezza della comunicazione radiantistica a fini sociali, segnatamente verso obiettivi di tutela, salguardia e sicurezza del territorio. Sul piano dell'operatività nell'acquisizione esperienziale, il Progetto ha nella sua modalità operativa uno dei più eloquenti punti di forza. Questo significa che le attività contemplate nella fase esperienziale del Progetto, sono il punto di saldatura della sensibilizzazione dei cittadini, giovani e non solo, con la consapevolezza dell'importanza e dell'utilizzo sociale delle R.E. (Radiocomunicazioni di Emergenza) così come le definiscono gli addetti ai lavori. E' per questo che nell'ambito delle attività previste, il CAMPO SCUOLA è l'attività che polarizza e concentra gran parte dell'interesse dei partecipanti a questo grande Progetto, mirato ad innovare anche le attività educative per una maggiore e più sentita Educazione alla Protezione Civile.

Il futuro quindi ci vedrà in una società più consapevole e soprattutto più aperta nella partecipazione al suo ruolo sociale, attraverso l'Educazione alla Protezione Civile nel rispetto della CULTURA DELLA PROTEZIONE CIVILE. Un grande e ambizioso Progetto, al quale speriamo possa partecipare un sempre crescente numero di giovani di diversa estrazione culturale. Semplicemente una sinergia tra mondo del Volontariato nella Protezione Civile e la radio; quindi una risorsa che aiuta anche il radiantismo a crescere e nuova linfa all'ARI. La settima edizione della manifestazione nazionale "Anch'io sono la Protezioen Civile" indetta per il 2014 chiusa il 7 settembre aveva realizzato 162 campi-scuola. Ogni campo ha avuto una durata di una settimana con l'alternanza di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche per consentire, soprattutto ai giovani in età da 11 a 17 anni, di sperimentare la metodologia per conoscere i "primi" rischi presenti sul territorio per gestirli imparando ad applicare le pratiche di prevenzione ed autoprotezione. Rilevante e determinante ai fini della metodologia di apprendimento è la partecipazione delle Strutture operative Nazionali di Protezione Civile come: Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato e Comuni. Centrale è stato il ruolo dei Comuni in questa grande iniziativa perché, in questo contesto e con il metodo cui ho accennato, anche i Comuni hanno potuto divulgare la conoscenza dei piani Comunali di Emergenza che rappresentano un primo strumento per consapevolizzare i rischi presenti su un territorio. Il successo di questa operazione nazionale che il Dipartimento Protezione Civile sta sviluppando ormai da otto anni, conferma quanto il Dipartimento stesso aveva già espresso, per dichiarazione dell'allora Capo Dipartimento, Gabrielli: <Investire sui ragazzi e sul loro entusiasmo si conferma una scelta saggia per una efficace e partecipata diffusione della conoscenza della Protezione Civile e non solo. Infatti, con la stessa Educazione alla PC, si diffonde la consapevolezza dei rischi e della prevenzione di effetti negativi di una calamità>. Un'operazione, su scala nazionale, che si può sintetizzare con due parole da ricordare: il cittadino al centro della tutela dell'ambiente e della vita! Anche quest'anno i Campi Scuola si svolgeranno dal 22 Giugno al 6 Settembre 2015. Saranno organizzati dal Dipartimento Protezione Civile in collaborazione con Organizzazioni nazionali e locali di Volontariato, in collaborazione con le Regioni, i Comuni, i Vigili del Fuoco, il Corpo Forestale dello Stato, le Forze di Polizia, il Servizio 118, la Croce Rossa Italiana ed altre Organizzazioni. Tutte le Organizzazioni di Volontariato saranno protagoniste nella gestione delle attività all'interno di ogni campo.

Proprio durante il "Campo Scuola" ai giovani è offerta l'opportunità di comprendere di essere parte attiva del Sistema Protezione Civile.

Anche quest'anno Graziano Sartori I0SSH era presente alla riunione presso il DPC e ci ha fatto pervenire il Comunicato che è già stato divulgato sul portale istituzionale ARI Vogliamo dunque cogliere l'occasione per ricordarvelo.

Alfredo Gallerati, IK7JGI