Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon W.H.S.A. - World Heritage Site Award Project


Lo scopo del W.H.S.A. è quello di aumentare la conoscenza dei Siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel mondo attraverso attività radioamatoriali. I Radioamatori attiveranno gli oggetti o le aree sulla base della lista ufficiale delle Referenze pubblicata sul sito www.whsa.info stando nel luogo in cui queste referenze sono e conducendo un’attività radio mediante contatti a 2 vie con altre stazioni radio amatoriali.

Poiché le Referenze W.H.S.A. sono di varia natura, i criteri della vicinanza saranno abbastanza larghi. Per le Referenze come territori o paesaggi gli operatori devono rimanere nella zona o sottozona rilevata dall’Unesco e/o dalla lista WHSA. Per Referenze come monumenti, gli operatori dovranno operare il più vicino possibile agli oggetti attivati. In alcuni casi la natura degli oggetti potrebbe consigliare agli operatori di non stare troppo vicino all’oggetto, ad esempio, nel caso in cui tali attività potrebbero ferire la sensibilità o la religione dei popoli vicini. In questi casi gli attivatori deve valutare molto bene se l’attività può essere fattibile e la distanza da rispettare per evitare ogni possibile problema con le popolazioni del luogo. Comunque queste attivazioni devono avere lo scopo di promuovere la conoscenza dei siti interessati e gli attivatori avranno il massimo rispetto per gli oggetti e la storia ad essi connessi. Se le Referenze sono isole, gli attivatori e i loro equipaggiamenti devono essere fisicamente sull’isola.

Ogni attività deve essere supportata da un’adeguata documentazione multi-mediale circa ila Referenza attivata, che sarà pubblicata sul sito web www.whsa.info in modo da essere accessibile a tutti Incoraggeremo la qualità delle attivazioni anziché il numero di esse, in modo che ogni attività debba essere eseguita in un tempo non inferiore a tre ore, e non più di una attività sarà autorizzata al giorno. Scopo degli attivatori dovrebbe essere quello di mettere a log il massimo numero possibile di contatti.

CRITERI

Le Referenze si basano sulla lista ufficiale dei Siti Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Dal momento che essi sono di natura diversa: culturale, naturale e mista, è stato necessario adottare alcuni criteri per identificare le Referenze. Per i siti naturali abbiamo preso in considerazione l’estensione del territorio e abbiamo assegnato una o più Referenze a seconda delle diverse località definite nel Sito Web http://whc.unesco.org se presenti. Se non presenti abbiamo assegnato una o più Referenze guardando la mappa della zona iscritta al meglio della nostra conoscenza e dopo aver ottenuto le informazioni dal web. Ad esempio la Valle della Loira in Francia consiste in una vasta area, così abbiamo diviso il fiume in otto sezioni. In alcuni casi il numero di Referenze non è lo stesso di quanto riportato nel sito Web Unesco. Ad esempio le Dolomiti Italiane compaiono nel sito Unesco con 9 subaree: abbiamo dato una Referenza ad ogni elemento presente in queste 9 subaree iscritte nella zona definita dalla mappa dell’UNESCO.

Per i siti culturali, il criterio adottato è stato quello di considerare il numero di oggetti e/o aree appartenenti a tale sito separatamente. Quando possibile, abbiamo basato l’individuazione delle Referenze sul Sito Web dell’UNESCO, così come per i siti culturali. Naturalmente abbiamo adottato lo stesso metodo per siti misti.

Questo lavoro si è tradotto in un elenco di oggetti o aree caratterizzate da un codice composto con le lettere WH (World Heritage) seguito dalla sigla ISO 3166-1 alpha -2 e da tre numeri, ad esempio per l’Italia: IT001, IT002, ecc Per la Germania DE001, DE002, ecc. Per la Gran Bretagna GB001, GB002, ecc In alcuni casi, le Referenze possono essere al di fuori del territorio principale degli Stati, ed essere come esempio nei loro territori d’oltremare, quando questi territori non hanno un loro proprio codice ISO, L’elenco riporta anche il codice di riferimento UNESCO. Questa non è la prima volta che qualche Sito Patrimonio dell’Umanità è utilizzato per un Diploma Radioamatoriale: i Russi hanno un Award basato però solo su siti patrimonio naturale. Questo progetto invece userà tutti i siti, naturali e culturali.

L’ELENCO

Come già escritto, la lista che abbiamo stilato è completa di tutti i siti del Patrimonio mondiale, ma naturalmente può essere modificata se ciò si renderà necessario. Naturalmente conosciamo la situazione del nostro territorio e siamo consapevoli che altre Associazioni Radioamatoriali consorelle conoscono la loro situazione meglio di noi. Questo introduce un altro aspetto di questo award: sarà sovranazionale, e avremo modo di chiedere la collaborazione delle Associazioni Radioamatoriali di tutto il mondo per collaborare a questo progetto. Naturalmente inizieremo qui in Italia e in Europa con i nostri vicini. Per le richieste di inserimento di nuove Referenze o modifica/cancellazione di quelle esistenti, si prega di scrivere a: ik2uvr(at)ari.it

Le referenze WHSA.

L’Italia ha il record del numero di Siti Patrimonio dell’Umanità: sono ben 49. Da questi 49 siti sono state ricavate 442 referenze. L’elenco è consultabile e scaricabile dal sito www.whsa.info Inoltre, particolarità tutta italiana, a queste due referenze se ne aggiungono altre 15 con la sigla VA: sono i palazzi di proprietà della Santa Sede che godono dell’extraterritorialità ma sono comunque a Roma. La Città del Vaticano, WH-VA001 è invece attivabile solo da stazioni HV situate all’interno di questo Stato.

L’Italia non ha però il record in quanto a numero di referenze, la Spagna ha oltre 600 referenze. Ciò è dovuto alla natura dei Siti WH, e dal numero delle referenze ricavabili.

Naturalmente abbiamo seguito le indicazioni presenti nel sito UNESCO, ma in difetto abbiamo ricavato le referenze basandoci sulla logica e sul buonsenso: per Paesi con scarsa attività radiantistica o con difficoltà oggettive geografiche e socio-politiche abbiamo ridotto il numero delle referenze all’essenziale. Per altri Paesi più attivi, come si è detto, ci avvarremo della collaborazione delle Associazioni locali per correggere/integrare l’elenco di massima che abbiamo stilato.

I Paesi nei quali esistono dei Siti censiti dall’UNESCO sono 160 e il totale dei siti assomma a 981 proprietà. Le referenze superano abbondantemente le 4400 unità. Questi numeri sono destinati ad aumentare dato che ogni anno vengono presentate candidature per nuovi siti e un certo numero di esse viene accettato ed entra a far parte della lista ufficiale. Una volta all’anno vi sarà una revisione della lista delle referenze con le integrazioni o le esclusioni del caso. L’elenco delle referenze italiane riportato nel presente volume è pressoché definitivo, anche se potranno esservi lievi cambiamenti prima della pubblicazione ufficiale.

Il Sito Web.

L’indirizzo è www.whsa.info Nel sito troveranno posto tutte le informazioni su referenze, attivazioni, classifiche, moduli, software, eccetera. Sarà un portale e di più: la nostra intenzione è di creare qualcosa come LoTW per automatizzare anche le richieste di diplomi e avanzamenti e di accreditamento di operazioni. La differenza è che tutto sarà gratuito: non un solo centesimo sarà chiesto agli utenti.

 

SPONSOR

Con queste finalità chiediamo all'UNESCO di essere lo sponsor principale di questo progetto, dandoci il diritto di utilizzare il logo ufficiale WH, o quantomeno il logo derivato e “adattato” per le nostre attività presente in Appendice 2, in ultima pagina, per il sito, le QSL (che sono la prova del contatto), e per tutti i modi per promuovere le attività. Questa partnership darà al WHSA un’importanza mondiale.
Grazie per l’attenzione e Cordiali Saluti.

Scarica il regolamento completo in PDF


L’Award Manager A.R.I.
Pier Luigi Anzini, IK2UVR