Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Il Contest in Pillole. 5

Nella pillola precedente abbiamo visto in dettaglio il tipico QSO da contest in CW. Ora vedremo, finalmente, il QSO in RTTY, sempre come modalità “Search and Pounce” e “Run” che sono termini che ormai avete assimilato. Il QSO in RTTY è oggi reso molto facile dal computer e dal programma di logging, il nostro QARTest, che integrando il decoder, ovvero il cosiddetto “motore RTTY”, ci consente di operare in estremo relax. Il più famoso decoder, o quanto meno il più diffuso, è certamente MMTTY, realizzato da Makoto Mori, JE3HHT, la cui ultima versione V.1.68A è ormai stabile da ben più di 3 anni. Dall'inizio di quest'anno è apparso sulla scena un nuovo decoder, realizzato da G3YYD, denominato 2-Tone, che funziona molto bene sui segnali bassi e in presenza di rumore. QARTest è già predisposto per poterli usare entrambi. (fate sempre riferimento al Manuale).

Voglio fare ancora una premessa: queste note sono orientate alla operatività e non al setup della stazione o della postazione RTTY e viene dato per assodato che sia il SW sia l'Hardware necessari siano installati e funzionanti e che soprattutto voi abbiate familiarità con la vostra stazione.

QSO in RTTY
Nei QSO in RTTY l'uso della tastiera è più limitato rispetto al CW. Infatti si usa molto il mouse che consente di “cliccare” direttamente sui nominativi e sui rapporti ricevuti, decodificati dal nostro decoder, che vengono così, automaticamente, trasposti al loro posto sulla finestra di Input del programma di logging (QARTest).

Vediamo quindi la chiamata tipica in RTTY.

TEST I2WIJ I2WIJ CQ oppure TEST nome-contest I2WIJ I2WIJ CQ

Noterete che la chiamata è praticamente la stessa del CW con CQ e TEST scambiati di posizione. Qual è l'utilità di questo scambio?

Presto detto. Ipotizzate di stare sintonizzando un segnale e il decoder riceve aq3.vdf2WIJ I2WIJ CQ.

Cosa ne deducete? Che I2WIJ ha fatto CQ e quindi potete immediatamente rispondergli.

Avreste capito la stessa cosa anche con TEST alla fine ma, secondo me, il CQ è più immediato. Qui ve lo sto dicendo io, ma sono i più accreditati contester RTTY che lo praticano. Vorrà pur dire qualcosa, o no?

Molto usata è anche la chiamata TEST nome-contest I2WIJ I2WIJ CQ dove viene trasmesso anche il nome del contest (es.: BARTG) che è utile ad esempio se nello stesso week-end si svolgono più contest RTTY in contemporanea.

A parte la chiamata, credo sia utile partire ancora una volta dalle impostazioni di base per i tasti funzione in modo da avere subito un quadro di riferimento pratico.


In questa tabella sono riportate le impostazioni più gettonate. I caratteri tra parentesi graffe sono sempre le famose “macro”.

Vediamo il perché di alcune scelte.

Il tasto F1 è la chiamata ed inizia con la macro {CR} (RETURN), ovvero la chiamata inizierà su una nuova riga nella finestra del corrispondente, così come il tasto F4 per la risposta con il vostro CALL.

Il tasto F2 è usato per la trasmissione dei rapporti e numeri del contest. E' buona pratica trasmettere il numero significativo (15) due volte (il 599 è scontato). L'RST si trasmette con 599 e non con 5NN, che è un'abbreviazione del CW e in RTTY ha un doppio effetto: aumenta il numero dei caratteri trasmessi (tra il 5 che è un numero e la N che è una lettera c'è un carattere SHIFT che non si vede ma che viene effettivamente trasmesso e fa perdere tempo) e fa capire al vostro corrispondente che siete un “pivello” in RTTY, ovvero che non ci tenete a far bella figura!

Il tasto F4, usato per rispondere ad una chiamata, rappresenta il nostro CALL ed è di solito preceduto dal DE che ha lo scopo principale di avviare il sincronismo di ricezione del decoder del nostro corrispondente e far sì che il nostro CALL sia più facilmente decodificato. Poi è utile ripetere il CALL almeno due volte (oppure di più). Torneremo sul tasto F4.

Il tasto INS, usato in modalità RUN, è configurato per trasmettere il CALL del corrispondente sia prima che dopo i rapporti per far sì che il corrispondente riceva correttamente il proprio CALL e sappia che è lui il destinatario delle nostre informazioni. La ripetizione del CALL dopo i rapporti serve per far sì che, se il primo CALL fosse stato coperto da altri segnali che ci stavano ancora chiamando, il secondo venga quasi sicuramente ricevuto correttamente.

Infine la conferma del QSO in RUN con il tasto +. Si trasmette il CALL del corrispondente in modo da dare certezza del QSO, si conferma con il TU e si invitano le altre stazioni a chiamarci con il CQ finale dopo aver trasmesso il nostro nominativo.

Noterete che i messaggi sono molto scarni, essenziali. Ricordate che siamo in contest. Trasmettete solo ciò che è necessario ed evitate le informazioni superflue o, peggio, fuorvianti, perché di solito il corrispondente non se le aspetta.

Vediamo ora, in pratica, una simulazione di QSO in RTTY in modalità S&P (Search and Pounce).

Sintonizzate un segnale. Ecco la prima difficoltà! Siccome è il decoder che deve riconoscere il segnale, riconoscimento che viene fatto tramite la decodifica di due frequenze, o toni, che sono il MARK e lo SPACE (normalmente 2125 Hz (MARK) e 2295Hz (SPACE), con uno “shift” di 170 Hz) occorre che il segnale audio venga opportunamente “centrato” intorno a questi valori. Il decoder MMTTY ha un ausilio visivo che aiuta a fare questa sintonia. Si tratta di uno spettro audio con annessa waterfall e di un monitor XY, o a “croce”, come visibile in Figura 1.


Il segnale si centra prima di tutto cercando di portare i due picchi a coincidere con le due righe verticali che rappresentano le frequenze di MARK e di SPACE, e poi si perfeziona la sintonia fine con l'ausilio visivo della croce. Quando il segnale è sintonizzato sulla finestra di ricezione incominceranno ad essere decodificati i caratteri ricevuti come in Figura 2 (presa a prestito dal manuale di QARTest)


Con il mouse cliccate sul nominativo G3CCO e questo apparirà inserito nella finestra di input.

Quando G3CCO avrà finito la sua trasmissione e siete pronti a chiamarlo, premete il tasto F4 e l'accoppiata QARTest/MMTTY trasmetterà il vostro indicativo.

Quando G3CCO risponderà e vi passerà il suo rapporto, cliccate su 007 e questo andrà al suo posto nella finestra di input. A questo punto....

La tabella impostazione tasti è orientata per la modalità RUN. Alcuni programmi di logging consentono di definire due set di impostazioni, uno appunto per la modalità RUN e l'altro per la modalità S&P. QARTest offre la possibilità di avere 8+8 tasti funzione, da F1 a F8, e gli stessi con lo SHIFT (SF1 - SF8).

In questo caso avremo impostato su SF4 solo la macro {MY} perché la risposta più “professional” in modalità S&P è {HIS} {F2} {MY}, ovvero nel nostro QSO: G3CCO 599 15 15 I2WIJ

Questa modalità presenta alcune caratteristiche importanti, che tornano utili sempre, ma in particolare in quelle situazioni in cui il pile-up è intenso o la situazione di QRM/QRN è critica. In questo modo noi indichiamo che stiamo rispondendo a G3CCO (e lui capisce che rispondiamo proprio a lui), poi diamo i rapporti, e infine ci identifichiamo, ovvero G3CCO è sicuro che il rapporto glielo abbiamo dato noi e non qualcun altro.

Quindi la sequenza di risposta è F5 F2 SF4. Sembra complicato ma siamo in S&P quindi non abbiamo l'assillo del pile-up, anche se dobbiamo fare in fretta, e possiamo digitare i tre tasti in rapida successione.

Per semplificare ulteriormente la situazione, direi di girare le impostazioni dei tasti F4 e SF4, ovvero F4 diventerà solo {MY} e SF4 diventerà {CR} DE {MY} {MY}, ricordandoci poi di digitare SF4 quando siamo in S&P e stiamo rispondendo ad un CQ.

Io personalmente ho una definizione sola, ovvero solo F4 {MY}. Quando rispondo ad un CQ digito due o tre volte F4 e quando rispondo al rapporto digito F5 F2 F4. Secondo me è più semplice e più immediato; ognuno di voi con la pratica capirà quale sia la soluzione più adatta al proprio stile.

Vediamo ora, in pratica, una simulazione di QSO in RTTY in modalità RUN.

Non pensate che non sia per voi! Vi invito a provare a chiamare e fare QSO in RUN, specialmente proprio in RTTY. Come detto all'inizio c'è il decoder che “capisce” i nominativi e i rapporti e quindi l'operatore può più facilmente concentrarsi sulle cose da fare e operare più rilassato.

L'inizio è semplice: trovate una frequenza libera e premete F1. Il decoder MMTTY ha l'opzione AFC, ovvero Automatic Frequency Control. Quando questo tasto è premuto il decoder si sintonizzerà automaticamente sul segnale ricevuto, se questo non è perfettamente centrato. Questa opzione vi faciliterà in ricezione, quando appunto le stazioni che vi chiameranno non saranno tutte sempre allineate a voi. Ora avete fatto la chiamata e la prima stazione vi sta rispondendo. E' utile che voi ascoltiate in cuffia i toni e impariate a riconoscere il segnale RTTY ricevuto, non per decodificarlo, ma per capire se qualcuno vi sta rispondendo o se dovete ripremere F1 e fare un'altra chiamata. Sulla finestra di ricezione (fate sempre riferimento alla Figura 2) comparirà il nominativo della stazione che vi sta rispondendo, di solito più di una volta. Preparatevi con il mouse e cliccate sul nominativo. Questo sarà trasferito sulla finestra di input. Appena il segnale della stazione rispondente cessa, premete il tasto INS. L'accoppiata QARTest/MMTTY trasmetterà {HIS} {F2} {HIS} e passerà in ricezione. A questo punto il corrispondente riprenderà e vi passerà il rapporto. Di nuovo con il mouse cliccate sul rapporto, che sarà riportato nella finestra di input, e appena il segnale del corrispondente cesserà premete il tasto +. Questa operazione metterà a LOG il QSO, e trasmetterà il TU e il vostro CALL seguito da CQ. Se tutto va bene un'altra stazione risponderà al vostro CQ e il ciclo riprenderà. In questa modalità si possono mettere a log i QSO molto più velocemente che in S&P in quanto non ci sono i tempi morti dovuti alla ricerca di una nuova stazione da collegare. Anche in RTTY valgono le stesse raccomandazioni fatte in precedenza, ovvero non mettete a LOG un QSO di cui non siete certi, chiedete le ripetizioni quando non siete sicuri di aver le informazioni corrette, etc., etc. Giunti fino a qui sarete certamente ansiosi di mettere in pratica quanto avete letto. Cercate sul calendario la data del prossimo contest RTTY e ....buttatevi! Il divertimento sarà sempre assicurato.

Bob, I2WIJ