Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon Radiocronache

PostHeaderIcon Marconi, attualità dell'inventore della radio in rete

There are no translations available.

In vista del CXLVIII anniversario della nascita dell'inventore della radio, l'audio di Radiomagazine è dedicato a Guglielmo Marconi. Domande sulla sua storia personale e politiche. Al microfono di Dario Villani, Daniele Raimondi, radioamatore, appassionato di storia della radio, fotografo impegnato,autore di libri sulla radio e il suo inventore. Già in rete.

Il 25 aprile 1874 nasceva a Bologna Guglielmo Marconi. Senza di lui, sottolinea il programma di Radiomagazine, forse tante cose non si sarebbero conosciute, come le proprietà della ionosfera, che anche lui agli inizi ignorava. Convinto di avere una missione da svolgere, specialmente per la salvezza delle vite in mare, arrivò a chiedersi pubblicamente: "ho fatto del bene al mondo o aggiunto una minaccia"? Radiomagazine esplora la vita di Marconi con Daniele Raimondi, radioamatore, autore di due libri, "La Radio di Carta" e "Marconi nato per la Radio". Nel programma anche notizie dal mondo delle comunicazioni.
Il programma è disponibile anche sul sito di Radiomagazine in studio quality 128 kbps 44 kHz Stereo e su https://youtu.be/4DoRoU2cLCs

Fonte: Italradio

 

PostHeaderIcon Il Poli "laurea" i radioamatori

There are no translations available.


PoliHam è il nuovo club radioamatoriale del Politecnico di Milano. Il progetto – che prevede l’installazione e l’attivazione di una stazione radioamatoriale aperta a studenti e docenti, accessibile sia direttamente che da remoto – nasce su iniziativa del Prof. Michele D’Amico e del Prof. Marco Carminati del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria con l’obiettivo di esporre gli studenti dell’Ateneo alle tecnologie di comunicazione wireless più moderne, dando loro l’opportunità di osservare divertendosi l’applicazione concreta dei concetti appresi nei vari corsi. La stazione di ateneo opererà con nominativo IU2PJI appena rilasciato dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Molti corsi, soprattutto nell’ambito dell’ingegneria, sono tradizionalmente focalizzati sugli aspetti teorici e spesso utilizzano solo strumenti di simulazione per approfondire i concetti appresi a lezione. Sotto questo aspetto, la radio amatoriale rappresenta uno strumento formidabile a disposizione di docenti e studenti che desiderino integrare le conoscenze teoriche con le competenze necessarie alla realizzazione di circuiti e all’integrazione di sistemi reali. Lo dimostra l’esperienza di prestigiose università tecniche come MIT, Harvard, Yale, Stanford, Caltech, ETH, Cambridge, Stoccarda, Uni Tokyo e Twente, che da sempre hanno creduto nel ruolo didattico della radio amatoriale e hanno messo a disposizione di studenti e docenti stazioni radioamatoriali di ateneo.

PoliHam prende spunto dalle buone pratiche già sperimentate all’estero e dai riscontri positivi registrati dal corso “Introduzione alle Comunicazioni Wireless ed Operazione Pratica di una Stazione Radio”, tenuto nell’anno accademico 2019/20 nell’ambito dell’iniziativa Passion in Action.


Fonte: Politecnico di Milano

 

PostHeaderIcon La radio, una rete sociale al femminile in Cile

There are no translations available.

La radio, una rete sociale al femminile in Cile

In un angolo del Cile, Leticia San Martín Corrial accende la sua radio per potersi mettere in contatto con il mondo intero. Si connette a una frequenza e aspetta che qualcuno si connetta dall'altra parte. Dopo aver sentito lo sfrigolio della radio, gioisce nel sentire la voce di un altro radioamatore dal Messico, dalla Turchia o dalla Lituania.

“Qui XQ4NUA”, dice Leticia, presentando il suo codice d'identificazione come radioamatrice. Chi riceve l'accreditamento come radioamatore può chiamare determinate emittenti e intrattenere una conversazione con la persona sull'altra linea. Questi comunicati possono essere ascoltati da molti radioamatori in tutto il mondo. Quando l'interlocutore parla spagnolo, si salutano e a volte si creano amicizie internazionali. Quando c'è qualcuno che parla un'altra lingua, si usano codici amichevoli. Dice “seventy-three” (73), che significa abbracci, per esempio, e poi “good luck” (buona fortuna).

I radioamatori e le radioamatrici sono persone che hanno fatto lo sforzo di conoscere altre persone in un ambiente sicuro e che sanno che anche l'altra persona si è connessa con la stessa intenzione. La pazienza nel creare legami solamente ascoltando la voce dell'interlocutrice, sembra dare un tocco speciale all'attività radioamatoriale. I radioamatori partecipano in comunicazioni personali con altri radioamatori del proprio paese e di tutto il mondo, tramite l'uso di una stazione radiofonica.



Read more...

 

PostHeaderIcon Il nome di Marconi su Marte

There are no translations available.

Il nome di Marconi su Marte

La sonda americana Providence, sbarcata giovedì 18 febbraio 2021 su Marte alla ricerca di antiche forme di vita, ha portato sul pianeta rosso anche il nome di Guglielmo Marconi, in una parte della memoria del computer del rover Perseverance associato allo Science Park Guglielmo Marconi di Santa Marinella. Un messaggio di Elettra Marconi. Esperimenti dell'inventore verso Marte?

Come ha detto alla Radio Vaticana il professor Livio Spinelli, delegato per il Comune di Santa Marinella al Museo Marconi della cittadina tirrenica,lo studio delle microonde, avviato ad Marconi nell'ultimo scorcio della sua vita, si è rivelato decisivo anche per le esplorazioni spaziali ma - e questa è un po' una novità - Marconi “fece a suo tempo degli esperimenti radio dalla Torre Eiffel su Marte per trasmettere e ricevere le onde e addirittura speravano di avere un collegamento con qualcuno che potesse rispondere ai segnali inviati dalla Terra”.
L'affascinante teoria è suffragata dall'idea che fin dall'inizio  Marconi si era fatto che se vi fossero intelligenze in altri pianeti sarebbe possibile ricevere e comunicare con loro attraverso le onde radio. Tuttavia - come ricordava nel 1920 un articolo del New York Times che abbiamo reperito QUI  - la Torre Eiffel escluse di aver ricevuto segnali da altri mondi che invece Marconi aveva allora ritenuto possibili. La radioastronomia era ancora tutto sommato da inventare.
La principessa Elettra Marconi, figlia dell'inventore ha inviato alla Nasa un saluto di ringraziamento ricordando come ''il capitano Neil Armstrong disse a me e a mia madre che senza Canberra Casino la radio di Marconi non saremmo mai andati sulla Luna".
Le interviste alla Radio Vaticana cliccando QUI

Fonte: Italradio

 

PostHeaderIcon Con ARI-Prato viaggio tra i ricevitori

There are no translations available.

Riceviamo e pubblichiamo:

La serata di venerdì 5 marzo è stata un successo, grazie anche al link inserito nel sito Ari.it, qui di seguito è possibie rivedere la serata in streaming:


Simone, IK5RUN

 
More Articles...