Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon La banda dei 60 m è una realtà

There are no translations available.

Il Ministro dello Sviluppo Economico ha approvato, con Decreto del 5 Ottobre 2018, pubblicato sulla G.U. Serie Generale n. 244 del 19.10.2018, Supp. Ord. n. 49, il Piano Nazionale di Ripartizione delle Frequenze tra 0 e 3.000 GHZ.
Il menzionato Decreto entrerà in vigore, in mancanza di indicazione espressa di segno diverso, 15 giorni dopo la pubblicazione.
Pertanto, le nuove frequenze assegnate ai radioamatori potranno essere utilizzate, nei limiti previsti dal Decreto de quo, trascorso il termine di vacatio legis.

A scanso di equivoci e a maggior chiarezza per i detrattori dell’ultima ora, nella fattispecie non si tratta di decreto legge ma di decreto ministeriale. Lo strumento legislativo: "decreto legge", che deve essere convertito in legge entro 60 giorni, viene usato  di norma in materia fiscale (per ovvi motivi) e in caso d’urgenza. Il decreto ministeriale è un provvedimento avente il contenuto della legge ma non la forma. Dopo la registrazione alla Corte dei Conti viene pubblicato; la pubblicazione e l’entrata in vigore sono sottoposte alle stesse norme che valgono per la legge.


Clicca qui per scaricare
la tabella PNRF in PDF