Message
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo portale utilizza i cookie per offrirti le migliori risorse tecnologiche disponibili. Continuando a visitarci senza modificare le tue impostazioni accetti implicitamente di ricevere tutti i cookies. Diversamente, puoi modificare le tue preferenze agendo direttamente sulle impostazioni del software di navigazione impiegato.

    Documentazione Direttiva e-Privacy

PostHeaderIcon "La mia soluzione multibanda in versione portatile"

There are no translations available.

Giuseppe Caruso, IT9AET


Come tutte le cose che riguardano (o dovrebbero riguardare) il radioamatore, questa realizzazione nasce dalla necessità di avere un'antenna facilmente trasportabile, multibanda, relativamente facile da costruire, dalle dimensioni ridotte e dalle prestazioni dignitose, se ci si accontenta.
Nulla di nuovo e niente di rivoluzionario. Anzi.
E' un progetto di una tipica antenna caricata alla base che utilizza un condensatore variabile per facilitare e velocizzare l'accordo praticamente su tutte le bande, dai 2 metri ai 40 metri. E non è poco. Come antenna si può utilizzare uno stilo telescopico da, circa, 1,5 metri, oppure un qualsiasi pezzo di cavo elettrico, come una specie di antenna di tipo "random". Ovviamente, più sarà corta l'antenna, maggiore dovrà essere l'induttanza e minore risulterà la resistenza di radiazione con conseguente decadimento dell'efficienza.

Leggi l'articolo in PDF
tratto da RadioRivista 6/17 pagg. 20-21